D. In quali casi clinici l’integrazione tra Fotobiomodulazione Laser emorroidaria e Fleboterapia Rigenerativa dimostra la maggiore efficacia?

R. Nella patologia emorroidaria più estesa e con prolasso emorroidario esterno od emorroidi esterne congeste di massimo grado oltre che nei pazienti più anziani. Quanto maggiore è la stasi del sangue venoso emorroidario e l’età dei pazienti, tanto più è presente danno ossidativo cronico grave della parete venosa emorroidaria sede della rigenerazione terapeutica ed è…

D. E’ sempre utile far precedere la terapia medica con un moderno Laser diodo idoneo a “riconoscere” con precisione il solo sangue venoso e le vene emorroidarie ano-rettali prima dell’infiltrazione “rigenerativa” fleboterapica con salicilato di sodio a bassa diluizione?

R. Clinicamente il paziente si avvantaggia della terapia integrata Rigenerativa Fleboterapica se è preceduta ed associata alla Fotobiomodulazione Flebologica Laser. La risposta clinica su 50 pazienti con prolasso emorroidario ha dimostrato riduzione nei tempi di risposta terapeutica (entro 20 giorni) con più rapida guarigione clinica e massimo effetto antalgico durante la rigenerazione. Associo a seconda…

D. Perché si è dimostrato utile eseguire subito dopo l’anestesia locale l’applicazione indolore del Laser diodo ad 808 nm e per quale ragione alcune applicazioni Biofotoniche Laser sono consigliabili ad intervalli successivi di 7 -10 giorni?

R. Gli attuali, accreditati studi della moderna Biofotonica e le loro attuali applicazioni cliniche, in gran parte provenienti da Germania, Giappone, Russia, Italia, Taiwan, U.S.A. hanno dimostrato alle adeguate lunghezze d’onda ed in determinate modalità applicative relative al “Tissue Engineering” (la Medicina Rigenerativa) una forte capacità rigenerativa clinica per la flebologia emorroidaria, con rilevante stimolazione…

D. La Fleboterapia rigenerativa delle vene emorroidarie è in grado di conservare e di “correggere” le vene e la mucosa sovrastante ?

R. Si. Al contrario, la scleroterapia chiude le vene emorroidarie obliterandole o “distruggendo” il gavacciolo emorroidario che diverrà un’escara, poiché chimicamente aggressivo. Il problema emodinamico non viene peraltro corretto né contenuto, ma spostato semplicemente a carico di altri segmenti venosi. Non è presa in alcuna considerazione la correzione ed il recupero anatomico delle varici ano-rettali…

D. Ha ancora senso attualmente asportare la patologia emorroidaria ?

R. E’ un vecchio equivoco quello di asportare o “demolire” chirurgicamente le emorroidi. L’antico equivoco riguarda le varie forme della chirurgia demolitiva emorroidaria ed è ormai stato ampiamente ed autorevolmente definito nel corso del “World Congress of Colonproctology” del 2005, Chairman l’Illustre Prof. Mario M. Giordani : le autorevoli conclusioni sono infatti tutte per la…

D. Qual’è il costo della procedura ambulatoriale e quali sono le ragioni degli ostacoli alla diffusione della fleboterapia rigenerativa?

R. Il costo della terapia è realmente basso e non si rendono necessari molti farmaci per il successo terapeutico ed il controllo del dolore. E’ inoltre possibile evitare ricoveri, degenze e costi sociali. Il paziente riprende l’attività lavorativa rapidamente: è quindi assolutamente inspiegabile che possano esistere ostacoli alla diffusione della terapia con il più antico…

D. Quali sono i vantaggi ed i limiti del trattamento?

R. La possibilità di curare non il solo effetto (ablazione di emorroidi visibili) ma bensì tutte le varici ano-rettali numerose che riforniscono i gavaccioli emorroidari: esse possono rendersi raggiungibili localmente solamente grazie ad un principio attivo liquido (il salicilato di sodio in veicolo idro-glicerico), indolore e rispettoso localmente dei plessi venosi in cui manifesta l’azione…

D. E’ possibile curare pazienti affetti dalla recidiva della malattia emorroidaria?

R. E’ possibile incontrare frequentemente emorroidi residue o recidive all’atto ablativo e comprendere che il paziente rinvii la visita nella necessità di un ulteriore intervento chirurgico è nella logica dell’umano sentire. In tali casi la fleboterapia rigenerativa emorroidaria è una valida alternativa, ma è però frequente che il paziente si sottoponga con notevole ritardo alla terapia…

D. Qual’è il meccanismo d’azione della fleboterapia rigenerativa emorroidaria (TRAP emorroidaria)?

R. La fleboterapia rigenerativa fonda i suoi presupposti sulla liberazione dalle cellule del sangue venoso di numerosifattori di crescita cellulare (in particolare dalle piastrine e dai globuli bianchi) e per la sua stabilità negli anni presuppone della totale risoluzione anatomica del prolasso, di un miglioramento visibile del trofismo della mucosa e di una significativa risalita…